Un breve tuffo nell'era Art-Déco

by Marc-Andre Schmid

Anche se l'epoca che oggi chiamiamo "Art Déco" è già trascorsa un secolo, il suo impatto su una vasta gamma di argomenti, dalla moda all'architettura, è ancora oggi percepibile. Portando un senso di ordine e artigianato ritrovati in un mondo segnato da guerre e malattie, questo periodo si distingue come un'oasi di pace e prosperità tra bellicosità selvaggia e rovina economica, portando un senso di democratizzazione nel campo dell'arte, non solo limitando le forme geometriche e la ricca decorazione ai concetti classici dell'arte come la scultura e la letteratura, ma abbracciando pienamente l'estetica recentemente incorporata in tutti i campi della vita quotidiana, trasformando oggetti precedentemente semplici come mobili e, naturalmente, orologi in opere d'arte.

Art-Déco-Interior-Design-Zurichberg

L'Art Déco si caratterizza per la sua enfasi sulla semplicità e sulle forme geometriche. Fu una reazione agli eccessi del movimento Art Nouveau che lo precedette, che enfatizzava forme organiche e decorazioni elaborate. L’Art Déco, d’altro canto, celebrava l’era delle macchine e il progresso industriale incorporando materiali moderni come acciaio, alluminio e plastica. Presentava linee pulite, forme aerodinamiche e un uso audace del colore, combinando i macchinari industrializzati perfezionati in anni di guerra e decenni precedenti di tesa lotta per la crescita tra le nazioni con lo sforzo apparentemente illimitato di distinguersi dai peccati degli antenati. Queste caratteristiche, trasformando le società in tempesta mentre l'ordine mondiale, un tempo rigido, sembrava cedere, trovarono la loro strada nel design degli orologi, che divennero più spigolosi, con forme rettangolari o esagonali e meno elaborati, colpendo lo stretto equilibrio tra abbellimenti dilaganti e e un semplicismo decisamente umiliante, riunendo così gli avversari così opposti della produzione di massa semplificata e dell'infinita attenzione ai dettagli.

Jaeger-LeCoultre-Reverso-Art-Déco-Zurichberg

Personalità degne di nota hanno svolto un ruolo significativo nel plasmare l'era dell'Art Déco. Raymond Templier, ad esempio, era un rinomato designer di gioielli francese che abbracciò lo stile Art Déco nel suo lavoro. Era noto per il suo uso di forme geometriche e tecniche innovative come l'incastonatura di pietre preziose a filo con la superficie del metallo, la trasformazione del metallo che sembra così rigido in opere d'arte ondulate che sembrano scorrere attorno a ogni possibile ostacolo, fondendo ancora una volta due concetti che sembrano così così contraddittorio e quindi simbolo di quest'epoca piena di opposti apparentemente inconciliabili come nient'altro. L'orologiaio italiano Carlo Ferrara fu un'altra figura influente, che utilizzò i design Art Déco per creare orologi eleganti e raffinati.

Raymond-Templier-Jewellery-Design-Zurichberg

L'orologiaio italiano Carlo Ferrara fu un'altra figura influente, che decenni dopo utilizzò i design Art Déco per creare orologi eleganti e raffinati utilizzando una separazione sul quadrante inizialmente incomprensibile per l'osservatore che appare come una rottura con il tema di fondo della riconciliazione tra nemici cospiratori, nemici spinosi della guerra in rovina e abbellimenti allo stesso modo. Ma in secondo luogo, il tentativo di prendere le distanze dal passato, di mettere in discussione ciò che è vecchio e radicato e di evidenziare il ruolo e lo scopo di ognuno nella società, dando così un tocco artistico ai metodi di produzione sempre più efficienti nelle fabbriche in forte espansione e sottolineando su cosa si basa la propria vita prospera.

Carlo-Ferrara-Date-18ct.-Rosé-Gold-Zurichberg

Famose opere d'arte Art Déco includono il Chrysler Building a New York City, che presenta una sorprendente guglia in acciaio ispirata alle griglie dei radiatori delle auto di lusso nel tentativo di catturare lo slancio dell'industrializzazione in costante progresso. Innestando sulla sommità dell'edificio elaborati ornamenti e distinguendolo così dalle eleganti facciate, il grattacielo sembra raggiungere vette senza precedenti come punta di diamante del progresso. Un altro esempio è l’iconico logo Coca-Cola, che fu ridisegnato nel 1929 utilizzando i principi dell’Art Déco, incorporando il nome del marchio in un design dissoluto e affascinando lo spettatore con le sue linee intrecciate.

Coca-Cola-Advertisment-1920s-Art-Déco-Zurichberg

Nel mondo degli orologi, nessun segnatempo viene messo in relazione con i primi anni '20 tanto quanto il Cartier Tank, un pezzo di storia rimasto popolare fino ai giorni nostri. Presenta una semplice forma rettangolare e linee pulite, prendendo in prestito la sua struttura semplice dai carri armati prodotti dalla guerra industrializzata, pur non presentando praticamente decorazioni inutili, una distinzione simbolica dalla maggior parte delle altre opere d'arte di quest'epoca che può essere interpretata come critica silenziosa di un sistema costruito sulla superficiale speranza di una crescita infinita, correndo così inarrestabile verso il prossimo abisso mentre veniva dal peggior bagno di sangue della storia umana. Il brutto volto della guerra industrializzata è stato rivelato e Louis Cartier non voleva trasfigurare questa realtà con abbellimenti distraenti.

Cartier-Tank-Art-Déco-Zurichberg

E proprio come profetizzato da Louis Cartier un decennio prima, l'era dell'Art Déco terminò improvvisamente negli anni '30, in parte a causa della depressione economica che seguì il crollo di Wall Street del 1929. Si credeva che il meccanismo del lusso indulgente e della crescita fosse L'infinito inghiottì tutti e lasciò dietro di sé una società bruciata sull'orlo del collasso poiché il costo di produzione di oggetti di lusso come i complicati orologi Art Déco divenne insostenibile per molti produttori e i design più semplici diventarono più popolari. Prevalsero i design semplici come il Cartier Tank e, mentre le tensioni in Europa aumentavano di nuovo e lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale si avvicinava sempre di più, le persone spostarono la loro attenzione verso preoccupazioni più pratiche mentre il mondo intero era ancora una volta travolto da una sanguinosa carneficina tra le industrie sostenute da interi bilanci statali.

Great-Depression-Zurichberg

Ma quell'estetica non è andata persa per sempre nei libri di storia, poiché negli ultimi decenni i marchi di orologi hanno iniziato a far rivivere lo stile Art Déco. Alcuni hanno riproposto modelli classici, altri come il Cartier Tank sono sempre rimasti al centro dell'attenzione, mentre altri hanno creato orologi completamente nuovi che rendono omaggio ai "ruggenti anni Venti". Questi segnatempo presentano spesso casse rettangolari o esagonali, linee pulite e un uso audace del colore, inducendo ancora una volta uno spirito di ottimismo in un mercato che ha iniziato a evitare i rischi sempre più frequentemente. Possiamo solo sperare che a la retrospezione del passato ci consente di ritrovare la strada verso progetti innovativi che durano secoli.


Lascia un commento

Attenzione, i commenti devono essere approvati prima di essere pubblicati

Questo sito è protetto da reCAPTCHA e applica le Norme sulla privacy e i Termini di servizio di Google.